venerdì 21 settembre 2018

Simon Sebag Montefiore, “Cieli di fuoco" ed. 2018


                            Voci da mondi diversi. Gran Bretagna e Irlanda
  seconda guerra mondiale



Simon Sebag Montefiore, “Cieli di fuoco”
Ed. Corbaccio, pagg. 383, Euro 17,00

     Dopo “Sašenka” e “L’amore ai tempi della neve”, ecco “Cieli di fuoco” a concludere la trilogia di Mosca di Simon Sebag Montefiore. Una trilogia che è un affresco dell’Unione Sovietica dagli albori alla fine della seconda guerra mondiale e di cui ogni libro può essere letto separatamente- solo l’allusione ad alcuni personaggi di cui abbiamo già letto è il tenue legame dell’uno con l’altro.
       Nel 1942 rosseggia di incendi il cielo sopra l’Unione Sovietica, l’aria riecheggia di spari ed esplosioni mentre infuria la battaglia per Stalingrado. No, la città che porta il nome del Grande Padre non può cadere, deve essere difesa fino all’ultimo uomo, non deve finire in mano ai tedeschi.
Benja Golden è il protagonista di “Cieli di fuoco”. Ebreo e scrittore, è finito nel temuto gulag della Kolyma per una delle troppo numerose condanne fasulle, impartite perché servano di lezione, per seminare il terrore. Se non ci fosse chi lo aiuta, Benja non sopravvivrebbe alla durezza del lavoro, alla fame, al gelo della Kolyma. Ed ora si presenta un’insperata via di uscita, una riduzione della pena. C’è bisogno di uomini per combattere, c’è bisogno di carne da cannone. Stalin ordina che venga formato un corpo di detenuti da mandare allo sbaraglio: se spargeranno sangue per la patria, avranno in cambio la libertà.

      “Cieli di fuoco” è un romanzo di guerra e di avventura che si svolge nel brevissimo arco di una settimana o poco più. Benja Golden e i suoi compagni si trovano presto intrappolati dietro le linee nemiche e succede di tutto. Cosacchi, partigiani, tedeschi, italiani, traditori, disertori e doppiogiochisti affollano la scena. Il mite Benja che era certo che non sarebbe mai stato capace di ammazzare nessuno, si accorge che non può fare niente di diverso dall’uccidere per non essere ucciso. Si accorge anche che il bene e il male possono coesistere nella stessa persona, che non ci si può fidare proprio di nessuno, che un uomo può avere due facce, come il dottore che gli ha salvato la vita più di una volta e che sembra spinto da puro amore e altruismo quando fa salire sul suo cavallo la bimba piangente scampata ad un massacro. E, se è impossibile fare giustizia ai morti negli stermini di massa (Simon Montefiore non li descrive, ma sappiamo che di quelli si tratta, quando udiamo le scariche ripetute e ravvicinate, quando vediamo la terra che sembra muoversi per il ribollire del gas dei cadaveri), è però possibile almeno vendicare la fine dell’innocenza. In un certo senso, allora, “Cieli di fuoco” diventa anche un romanzo di crescita personale, una brutale presa di conoscenza della realtà.

      Ci sono anche due storie d’amore nel romanzo- sono momenti per dimenticare il fuoco della guerra. E sono entrambe storie destinate a finire male (o quasi). La sedicenne figlia di Stalin si innamora di uno scrittore sposato e molto più vecchio di lei. Possiamo indovinare quale sia la reazione di suo padre e che fine faccia l’uomo che ha osato tanto. E Benja Golden, che aveva amato e perso Sašenka, ha una brevissima storia con un’infermiera italiana che lo cura quando lui è gravemente ferito e lo aiuta a fuggire (le scene di sesso in condizioni di estremo pericolo mi sono parse piuttosto improbabili, a dire il vero).
      Si legge bene, “Cieli di fuoco”, anche se è meno coinvolgente, meno appassionante dei due romanzi precedenti.

Leggere a Lume di Candela è anche una pagina Facebook


    
  


martedì 18 settembre 2018

Maja Lunde, “La storia dell’acqua” ed. 2018


                                                            vento del Nord
                                                               distopia


Maja Lunde, “La storia dell’acqua”
Ed. Marsilio, trad. Giovanna Paterniti, pagg. 341, Euro 18,00


    2017. Ringfjorden. Norvegia. “Eccomi di nuovo qui”: Signe, quasi settant’anni, è tornata a bordo della Blå, l’imbarcazione che porta il nome del Blåfonna, il Ghiacciaio blu “che un tempo era nostro”. Le navi da crociera scivolano dentro il fiordo, i turisti ammirano la natura selvaggia e nessuno sa quanto tutto sia cambiato. Nessuno sa che una volta lì c’erano le Cascate Sorelle, c’erano le malghe del padre di Magnus, il ragazzo che Signe amava. Non è rimasto nessun segno del fiume che scorreva lì un tempo. E’ solo Signe che non si rassegna, che non ha dimenticato, che vuole compiere un’ultima azione di protesta contro i furti a danno del ghiacciaio.
     2041. Nei pressi di Bordeaux, Francia. David, venticinquenne, è in fuga. Porta per mano la piccola Lou. Scappano dal fuoco, dalla siccità, dalla fame: nel Sud della Francia non piove da cinque anni, la terra è spaccata dalla sete, non cresce più niente, le scorte sono esaurite. Ad un certo punto, girandosi indietro, David non ha più visto la moglie che lo seguiva con il bimbo di un anno in braccio. David vuole credere che lei lo raggiungerà nel campo di raccolta che avrebbero dovuto raggiungere insieme, là dove fa tappa la marea di migranti diretti a Nord, dove piove ancora.

     “La storia dell’acqua”è il secondo romanzo della tetralogia di Maja Lunde iniziata con “La storia delle api”, ogni libro un capitolo nero su dove la dissennatezza umana ci sta conducendo, un allarmante futuro per le prossime generazioni.
      La narrativa del presente affonda nel passato di Signe, ragazzina innamorata dell’aspro paesaggio della Norvegia, solidale con il padre che si batte per la difesa del fiume senza curarsi delle accuse di cecità di chi vede l’immediato vantaggio economico nella costruzione di dighe e condotte. E’ un futuro di solitudine, quello che attende Signe che adesso, però, nel 2017, salpa dalla Norvegia con un singolare carico a bordo. Meta: la Francia, dove ora vive Magnus che l’ha ‘tradita’, passando dalla parte del progresso che implica la scomparsa delle spettacolari Cascate Sorelle. Né Magnus né Signe possono immaginare che le casse provenienti dai ghiacciai norvegesi trasportate dalla Blå saranno un vero e proprio tesoro per chi le ritroverà. Significheranno la vita, come aveva ostinatamente ripetuto Signe.
     Il filone del 2041 ci dà un senso di angoscia perché ne avvertiamo la minaccia come terribilmente reale. La storia di David e della sua bambina è ricca di dettagli. David lavorava in un impianto di dissalazione, avrebbe dovuto decidere prima di lasciare la cittadina in cui viveva con moglie e bambini. Come tantissimi altri. E’ giovane, non è molto bravo a fare il padre. E’ bravo a giocare, questo sì, e, dopo che lui e Lou trovano una barca (come ha fatto ad arrivare lì, dove tutto è secco? David non può avere memoria del canale navigabile che portava fino al mare), il gioco di partire e sfidare le onde diventa il preferito della bambina.

      Non ci può essere una fine in un romanzo come “La storia dell’acqua”. L’allarme è stato lanciato, così come ne “La storia delle api”. A noi lettori batterci come Signe per un futuro diverso da quello di David che deve sperare che riprenderà a piovere: potrebbe dire qualcosa di diverso alla sua bambina? Potrebbe aiutarla altrimenti che non giocando a sentire il rumore della pioggerellina lieve, a vedere la nebbiolina delle gocce?
      Le vicende di David e di Lou ci appassionano di più di quelle di Signe che sono un poco appesantite dall’intento di rendere chiaro il tema del romanzo. E tuttavia è un romanzo che ci tocca nel profondo perché, anche se vorremmo accantonarlo, il problema di quello che ci aspetta, di come il clima stia cambiando (e sappiamo perché), è sotto gli occhi di tutti. Non è sufficiente dire ‘una volta non era così’. Come dice David con voce sognante, “E’ così che era l’aria di casa nostra.” Non ci si può accontentare di ‘un meglio’ nel tempo passato.

Leggere a Lume di Candela è anche una pagina Facebook





venerdì 14 settembre 2018

Michael Frank, “I formidabili Frank” ed. 2018


                                         Voci da mondi diversi. Stati Uniti d'America
                                                      romanzo di formazione
     autobiografia

Michael Frank, “I formidabili Frank”
Ed. Einaudi, trad. F. Aceto, pagg. 344, Euro 20,00

     Frank non era neppure il vero cognome dei ‘formidabili Frank’. Era iniziato come nome d’arte in questa famiglia in cui le due figure femminili predominanti avevano lo stesso nome e si erano date dei soprannomi- Huffy la madre Harriet senior e Hank la figlia Harriet junior. E’ tutto speciale, nella famiglia Bergman, alias Frank. Ad iniziare dall’intreccio di parentele: fratello e sorella Ravetch hanno sposato sorella e fratello Bergman. Merona Ravetch e Martin Bergman hanno tre bambini- il più grande, Michael, è la voce narrante nonché l’autore del libro. Irving Ravetch e Hank non sono riusciti ad avere un figlio e prendono in prestito Michael, ne fanno un figlio sostituto, gli rovesciano addosso il loro amore che finisce per diventare opprimente, cercano di plasmarlo ed educarlo a riconoscere il bello ovunque: sono due sceneggiatori famosi, hanno i mezzi per farlo. E poi ci sono le due nonne, Huffy e Sylvia, che vivono insieme- Huffy la personalità dominante, Sylvia remissiva e di certo infelice.
    Il tono del libro all’inizio è leggero e divertente. Michael è un bambino, gli piace essere il prescelto, non gli importa che i due fratellini non ricevano le attenzioni e i regali di cui la zia lo ricopre, spia dalla finestra l’arrivo dell’automobile che lo porterà a fare commissioni insieme a Hank che ama girare per mercatini dell’antiquariato e per negozi insegnando a Michael quello che è b. (buono) e n.b. (non buono). Poi, a poco a poco, affiora il risvolto di questa situazione da privilegiato. Se Michael non se ne rende conto, ci pensano i compagni di scuola a fargli capire che è diverso dagli altri, tormentandolo, facendogli del male. Quale altro bambino gira con l’album da disegno sotto il braccio, ha già letto Dickens, sa chi è Balzac? Il minimo che possano fare è chiamarlo ‘femminuccia’ e ‘frocio’.
Merona e Martin Frank
La presenza della zia diventa sempre più ingombrante, e non solo nella vita del bambino. E’ lei che fa e disfa anche in casa di Merona, è lei che sceglie mobili e quadri e objets. Difficile sottrarsi al suo dispotismo, anche le vacanze dei Frank sono tutti insieme. E poi, quando lei chiama, Michael deve accorrere. E’ un personaggio carismatico e per certi versi affascinante. Ma temibile. Perfino il marito Irving, pur molto legato a lei, ha bisogno di tirare il fiato ogni tanto, di incontrare un amico da solo per un Coffee Time. E sia Irving sia Michael soffrono di mali di chiara origine nervosa- passa tutto se sono per un po’ lontani da Hank.
Irving e Hank
     “La tua vita è una menzogna”, griderà Michael allo zio, anni dopo. Perché, mentre noi assistiamo alla lotta di Michael per non restare invischiato nella ragnatela che la zia ha tessuto intorno a lui, lo zio Irving è già prigioniero- e senza speranza di liberarsi- incapace di qualunque obiettività nei confronti dei comportamenti della zia. Che diventa sempre più tirannica, assolutista, egocentrica, assurda e perfino crudele nelle sue esigenze che sembrano voler essere una prova del suo potere manipolatorio. E il tono del libro cambia, il libro di ricordi, il romanzo di formazione si trasforma nella storia dell’evolversi di una malattia nervosa che si arresta un attimo, con ritrovata ragionevolezza, solo davanti alla morte di Irving.
    “Zia Mame” di Patrick Dennis (1955) è il precedente più famoso del personaggio della zia che diventa il Pigmalione del nipote. Tuttavia c’è altro ne “I formidabili Frank” che si definiscono, ad un certo punto, come “i formidabili pazzamente Frank”. C’è prima di tutto la spontaneità del racconto di esperienza vissuta in prima persona. E poi il ritratto di una famiglia che ha una storia difficile alle spalle, il quadro di un luogo- Los Angeles e Hollywood - e di un ambiente (quello cinematografico) descritti in maniera spumeggiante. Di certo ricorderemo a lungo l’immagine di questa donna invincibile che, ormai anziana (101 anni nel 2017), usa la stessa tattica accattivante, le stesse parole, more is more, offrendo in regalo un libricino di Shakespeare alla figlia di Michael.

Leggere a Lume di Candela è anche una pagina Facebook



martedì 11 settembre 2018

Chen He, “A modo nostro” ed. 2018


                                                Voci da mondi diversi. Cina
cento sfumature di giallo
     noir


Chen He, “A modo nostro”
Ed. Sellerio, trad. Paolo Magagnin, pagg. 345, Euro 16,00

      Mai avrebbe immaginato, il camionista Xie Qing, che sarebbe andato a Parigi. Mai avrebbe immaginato che avrebbe rivisto la moglie Yang Hong, da cui aveva divorziato tre anni prima, in un commissariato di Parigi. Morta in un incidente. Era finita fuori strada con la sua auto, precipitando in un corso d’acqua. Era notte, aveva bevuto (come mai? Yang Hong non beveva alcolici). Era riuscita a telefonare al numero di emergenza ma i soccorsi erano arrivati troppo tardi. Aveva anche digitato un altro numero: chi aveva cercato di contattare? E comunque Xie Qing, arrivato a Parigi con viaggio pagato per riconoscere il cadavere della moglie, ha uno sprazzo di furbizia e si rifiuta di firmare frettolosamente. Vuole saperne di più sulla morte della ex moglie. e chissà che non riesca anche a guadagnare di più su questa morte.

    Inizia così, e seguendo un doppio filone, la vicenda di questo Candide cinese catapultato da Wenzhou in Cina in un Occidente di cui ha tanto sentito parlare e in cui fatica a muoversi. E’ il 1993, è da poco che in Cina tira un’altra aria. Nelle due storie noi seguiamo le peripezie di Xie Qing a Parigi, dove per fortuna è ospite di un amico già emigrato da qualche anno, e, alternativamente, riviviamo il passato suo e di Yang Hong, figlia di un quadro che si è suicidato. L’ambiente in cui viveva Yang Hong, lo stesso in cui si muoveva un’altra ragazzina che era stato il primo amore di Xie Qing, il fatto che entrambe abitassero nella Residenza 118 con il suo alone di lusso sconosciuto ai comuni cinesi, affascinava Xie Qing. Anche lui sarebbe voluto partire per la rieducazione insieme a Yang Hong- si era dovuto accontentare di aiutarla a salire sull’autobus che la portava lontano. Il loro era stato un matrimonio destinato a fallire, troppa differenza di classe sociale anche in un paese che glorificava l’uguaglianza. Non per nulla Yang Hong non aveva voluto avere figli da Xie Qing. Chi era il padre, allora, del bambino di un anno che adesso era rimasto affidato ad una gentile coppia francese?

     Mentre cerca di scoprire il mistero della vita di Yang Hong che abitava in una splendida villa a Parigi, Xie Qing si lascia a poco a poco coinvolgere in lavori diversi che sono solo in apparenza onesti. Dalla Francia passerà all’Italia, in Grecia (la vista delle rovine del Partenone lo lascia perplesso) e infine in Albania per coordinare il traffico umano dell’immigrazione clandestina. Nel filone che ha Yang Hong come protagonista seguiamo invece lo sviluppo dei piccoli commerci per cui i cinesi sono famosi- la vendita di merci contraffatte. Condividiamo lo sconcerto di Yang Hong quando esperimenta le condizioni lavorative dei cinesi nelle piccole fabbriche in Francia e sorridiamo insieme a lei quando, diventata venditrice ambulante sulle spiagge, si stupisce di come gli europei amino passare il tempo sdraiati a cuocere al sole, senza fare nulla.

     Scoprirete da voi come finisce l’esperienza di due cinesi nel paradiso occidentale. “A modo nostro” è un romanzo realista, un noir singolare che ci offre una tripla visuale- quella del nostro mondo visto dall’esterno, da qualcuno che è del tutto digiuno della nostra cultura e del nostro modo di vivere, quella di una Cina di un passato travagliato che ormai vive nel ricordo e quella dei cinesi trapiantati in Occidente, per nulla assimilati, in lotta per sopravvivere ed emergere (che cosa fanno i principini rossi che sembrano membri di un club esclusivo e che accolgono a braccia aperte la figlia di un quadro morto suicida?). Il filo conduttore di tutto resta la corruzione, un’avidità illimitata che si fa strada incurante dei cadaveri che si lascia alle spalle.

Leggere a Lume di Candela è anche una pagina Facebook



sabato 8 settembre 2018

Ludmila Ulitskaya, “Il sogno di Jacov” ed. 2018


                                                        Voci da mondi diversi. Russia
        storia di famiglia
     la Storia nel romanzo

Ludmila Ulitskaya, “Il sogno di Jacov”
Ed. La Nave di Teseo, trad. M. De Michiel, pagg. 606, Euro 20,40

        Una cosa è certa: se il nostro mondo esisterà ancora, se non si verificheranno visioni apocalittiche del futuro, tra cento anni nessuno dei nostri discendenti troverà pacchetti di lettere scritte a mano e legate insieme da un nastro. E’ una delle più gravi perdite del nostro tempo. Ce ne rendiamo conto, una volta di più, leggendo “Il sogno di Jacov”, il nuovo romanzo di Ludmila Ulitskaja, che inizia proprio così, con Nora che, alla morte della nonna Marusja, trova un bauletto di vimini con la corrispondenza di nonno Jacov e nonna Marusja ad iniziare dal 1911. Non sono solo le cimici a scivolare fuori dal cumulo di carte, quelle sanno di sporcizia e vecchiume, mentre il passato, la storia d’amore, il quadro dei tempi che furono, rivivono nelle parole delle lettere, delle cartoline, dei telegrammi, fanno sembrare attuale quello che non è più, ci fanno riflettere su come sia cambiato anche il modo di vivere i sentimenti, suscitano nostalgia e rimpianto per un tempo più lento che lasciava spazio alla lettura, allo studio, alla meditazione. La faccia politica del passato sembra essere volutamente lasciata nell’ombra, pur avendo molto peso nella vita dei protagonisti- sono tanti gli anni che Jacov e Marusja non passano insieme, quando Jacov viene mandato ai lavori da una parte all’altra dell’Unione Sovietica, fino all’ultima dura esperienza della Siberia, quando poi, a sua insaputa, Marusja chiede il divorzio da lui. Per motivi di censura le lettere di Jacov contengono solo allusioni, e inoltre il suo carattere lo porta a guardare avanti, a sfruttare al massimo le possibilità che ha senza compiangersi. Mentre il tempo della narrazione slitta verso il presente, altre guerre rumoreggiano sullo sfondo- il nostro sguardo resta fisso sulla famiglia di Nora Osetskaya, sulle quattro generazioni che ci portano fino al 2011- Jacov, il figlio Henrich (che rinnegherà, per paura, il padre), l’anticonformista Nora e suo figlio Jurik.

     “Il sogno di Jacov” è un romanzo corposo, come da tradizione russa. La trama è fin troppo ricca, troppo dettagliata e, in certi punti, troppo lenta. Ma il fascino dei personaggi è grande, perché Jacov, Marusja e Nora hanno tutti qualcosa di straordinario. La forza morale di Jacov e la sua sete di cultura, le aspirazioni di Marusja all’indipendenza- una femminista ante-litteram che calca il palcoscenico e non vuole rinunciarci, né per amore del marito né per l’arrivo di un figlio-, la ribellione di Nora, innamorata di un geniale regista georgiano, sceneggiatrice, che decide di avere un figlio con un ex compagno di scuola autistico e con un’intelligenza matematica fuori dal comune (senza però chiedere se lui sia d’accordo).
Tra Kiev e Mosca, e poi l’America dove Jurik corre il rischio di perdersi, la narrativa tiene il passo e acquista vivacità perché si sposta di continuo nel tempo mentre segue le vicende dei quattro membri della famiglia cambiando il tono di voce- difficile dire quale di loro ci appassioni di più. Forse Jacov, perché giganteggia, per quello che ha dovuto sopportare, per la sua coerenza, per la sua sete di sapere. E’ un romanzo che trabocca di citazioni letterarie, di nomi di grandi scrittori e non solo romanzieri, di musica e di compositori- da Rachmaninov ai Beatles su cui si fissa l’interesse di Jurik, bambino intelligente e strambo quanto il padre. E se c’è una parola che può sintetizzare questo romanzo della Ulitskaja è ‘passione’- è un recupero appassionato del passato (la scrittrice si è ispirata alle vere lettere di suo nonno), un inno appassionato alla vita nel suo scorrere tra asperità e calma tranquilla.

Leggere a Lume di Candela è anche una pagina Facebook


    
     

mercoledì 5 settembre 2018

Elizabeth Jane Howard, “Cambio di rotta” ed. 2018


                                     Voci da mondi diversi. Gran Bretagna e Irlanda
       love story
     romanzo di formazione

Elizabeth Jane Howard, “Cambio di rotta”
Ed. Fazi, trad. M. Francescon, pagg. 450, Euro 18,50

      Un dramma all’inizio del nuovo-vecchio romanzo di Elizabeth Jane Howard, la scrittrice inglese riscoperta dalla casa editrice Fazi che finalmente ha i riconoscimenti che merita. “Cambio di rotta” si apre con il tentativo di suicidio di Gloria, segretaria dello scrittore Emmanuel Joyce dopo che le è stato detto che non lo accompagnerà a New York. E’ facile per noi sospettare che ci sia altro dietro questo atto estremo- Elizabeth Jane Howard è bravissima (lo sappiamo) nel costruire atmosfere, nel dire senza dire, nel farci capire con un’occhiata scambiata dai personaggi, con una mezza parola. Tanto per cambiare Emmanuel deve averla corteggiata, illusa, fatta innamorare, forse sedotta. Lillian, la moglie, deve essere abituata a chiudere gli occhi trincerandosi dietro la sua condizione di perenne ammalata di cuore perennemente in lutto per la morte della piccola Sarah avvenuta quattordici anni prima. E il segretario Jimmy, fedele come un cucciolo a Emmanuel che l’ha tirato fuori da un orfanotrofio, deve aver gestito situazioni analoghe di ragazze con cuori infranti chissà quante altre volte.

      Uscita di scena Gloria, entra sul palcoscenico una nuova segretaria in questo romanzo che procede alternando le voci narranti e spostando l’ambientazione dall’Inghilterra all’America e poi alla Grecia. Si chiama Alberta, è giovanissima. Anzi, non si chiama affatto Alberta, sono Jimmy ed Emmanuel a cambiarle il nome. Il suo vero nome lo vedremo in calce alle lettere che scrive a casa e ci sarà un momento in cui le viene restituito- Emmanuel la chiamerà Sarah quando la vedrà nella luce di una figlia e potrebbe esserlo, sua figlia, con i quarant’anni di differenza tra di loro.
Alberta, che sembra uscita da un romanzo di Jane Austen, o dal “Middlemarch” che sta leggendo (e se Alberta assomiglia a Dorothea di George Eliot, c’è molto in comune tra Mr. Casaubon e Mr. Joyce), con la sua faccetta pulita, i vestitini cuciti dalla zia, la sua innocenza e il pensiero costante rivolto alla sua numerosa famiglia, si inserisce perfettamente nel piccolo gruppo abituato al lusso e agli ambienti sfavillanti della gente di teatro. In maniera inspiegabile ne diventa il centro, il punto di riferimento.
Alberta è di una saggezza commovente e, pur essendo così giovane (impossibile non sottolineare che si chiama Young di cognome), ha ben chiaro quello che è giusto e quello che è sbagliato. Nell’incertezza pensa a suo padre, ministro della Chiesa anglicana, il personaggio assente ma sempre presente in “Cambio di rotta”. Il padre di Alberta finirà per influenzare i comportamenti di tutti attraverso i ricordi della figlia. Continuando ad usare il linguaggio teatrale, più che mai adeguato per questo romanzo che si svolge nel tempo in cui si fanno provini per l’attrice che deve interpretare una commedia di Emmanuel, quando il reverendo Young esce per sempre di scena, sarà Emmanuel- finalmente- ad accollarsi il ruolo di padre che più si addice alla sua età, abbandonando le sue velleità di conquistatore. E, nelle ore convulse tra un traghetto e l’altro per arrivare a prendere l’aereo che li riporterà da Atene in Inghilterra, ci sarà un ‘cambiamento di rotta’ per tutti, una trasformazione che implica un guardarsi dentro e decidere che è giunto il momento di cambiare la propria vita. Radicalmente- per Emmanuel, per Lillian, per Jimmy. Con Alberta (che è tornata ad essere Sarah) inconsapevole, incerta tra la paura e la fiducia nel futuro.

    C’è sempre qualcosa di molto personale che rende unici i romanzi di Elizabeth Jane Howard- la sua passione per il teatro che era condivisa da Louisa nella saga dei Cazalet diventa qui quella di Emmanuel, la sua incresciosa esperienza come oggetto di desiderio da parte del padre (anche Louisa ne era stata vittima) è qui ombreggiata negli sguardi di Emmanuel verso Alberta (restiamo con il fiato sospeso per tutto il libro, temendo che il lupo sbrani l’agnello), la deliziosa voce di Alberta assomiglia a quella della dolce Clary. La descrizione dei paesaggi, poi, è superlativa, perfetta come un accompagnamento musicale- un avvio tranquillo nella pace della verde Inghilterra, frenesia di vita superficiale a New York, l’incanto dell’isola in Grecia dove la luce del sole mette a nudo la verità di ogni comportamento.

Leggere a Lume di Candela è anche una pagina Facebook