mercoledì 14 giugno 2017

Bodo Kirchhoff, “L’incontro” ed. 2017

                                            Voci da mondi diversi. Area germanica
       love story
       romanzo 'on the road'
       FRESCO DI LETTURA

Bodo Kirchhoff, “L’incontro”
Ed. Neri Pozza, trad. R. Cravero, pagg. 202, Euro 16,00


    Ci sembra di capire tutto subito, appena iniziamo a leggere “L’incontro” dello scrittore tedesco Bodo Kirchhoff. Lui, Julius Rheiter, non più giovane, si è occupato di libri tutta la vita. E’ un editore in pensione. Lei, Leonie Palm, ha superato la mezza età, aveva un negozio di cappelli (chi indossa più un cappello degno di questo nome ormai? Non ci sono più facce da cappelli- dice lei). Una sera Leonie suona il campanello della porta di Rheiter, vorrebbe parlargli. Non lo dice subito, ma è lei che ha scritto il libriccino che Rheiter stava sfogliando. Succede tutto molto velocemente. Iniziano a parlare, decidono di andare a fare un giro con l’automobile di Leonie, magari di andare a veder sorgere il sole. Però ci vorranno ore prima che sia l’alba, perché non spingersi oltre, perché non arrivare fino in Italia dove Leonie non è mai stata?
    Due persone sole si incontrano. Hanno la vita alle spalle, un viaggio in auto, di notte, invita alle confidenze, che però escono smozzicate. Un frammento della vita di Rheiter e un mozzicone di quella di Leonie. Se Leonie ha scritto quel libro che Rheiter si è portato dietro all’ultimo momento, è autobiografico? Parla di una ragazza che si è lasciata morire, sdraiata al freddo accanto ad un lago. La figlia di Leonie? A questo dramma della vita di lei corrisponde un dramma che forse fino ad ora Rheiter non aveva mai voluto considerare- un bambino che non era mai venuto al mondo, rifiutato da lui e dalla donna che poi lo aveva lasciato. Parole nella notte, ed è più facile parlare con chi non si conosce, al buio. Incominciamo a capire che c’è più di un viaggio in questo insolito romanzo on the road.
Insolito perché non c’è l’ebbrezza della spavalda avventura giovanile, al suo posto c’è la consapevolezza che tutto quello che si sta facendo, quell’avanzare verso nuove mete senza un programma preciso, potrebbe essere l’ultima possibilità che abbiamo. E allora c’è un filo di tristezza e di rimpianto. E’ un viaggiare in avanti girandosi ogni tanto indietro, per non ripetere errori già fatti. E’ un triplice viaggio per entrambi, per Rheiter e Leonie- quello sull’autostrada che li porterà fino in Sicilia superando una meta prefissata dopo l’altra, come si trattasse di una corsa ad ostacoli, quello della conoscenza reciproca (con esito prevedibile) e quello della conoscenza di sé che finirà per allontanarli. E scopriamo anche che ‘l’incontro’ del titolo forse non si riferisce solo a quell’incontro iniziale fra l’editore e la cappellaia- ci sono altri due incontri che trasformano interamente il romanzo, dando tutt’un altro significato alla definizione stessa ‘on the road’.

   Sono veramente ‘on the road’, hanno mangiato la polvere della strada i profughi che sbarcano sulle coste della Sicilia, sono sopravvissuti ad esperienze terribili, altro che le allegre avventure dei soliti viaggiatori. Se in passato Rheiter e Leonie hanno affrontato il problema della sopravvivenza- al disinteresse di un padre letterato, alla fine di rapporti con compagne o marito, alla morte di una figlia adulta e di una non nata, alla chiusura di un negozio o di una casa editrice-, ora si devono confrontare con il vero problema della sopravvivenza, della lotta quotidiana per vivere, per cavarsela. Come reagiscono, Rheiter e Leonie, all’incontro con la ragazzina vestita di uno straccio rosso in cui Leonie, in una qualche maniera, rivede sua figlia, e poi con un terzetto di nigeriani- marito, moglie e un neonato- che aiutano provvidenzialmente Rheiter?
     Dopo l’amore tardivo, descritto con molta delicatezza e un pizzico di humour, dopo gli squarci di abbagliante bellezza che si aprono sul paesaggio italiano- la luce, il colore, l’azzurrità del mare- in contrasto con il freddo grigiore tedesco, la tragedia di altri irrompe nella vita dei due protagonisti obbligandoli ad uscire dal loro egocentrismo, a porsi delle domande, a cercare di ritagliarsi un minuscolo ruolo in quello che sta accadendo ogni giorno nel mondo.



     per contattarmi: picconem@yahoo.com

Nessun commento:

Posta un commento